top of page

Sulla violazione delle garanzie partecipative

Settore: Procedimento Amministrativo

Keywords: Procedimento amministrativo – Partecipazione – Garanzie – Valutazione

T.A.R. Lombardia, Brescia, sez. I, 30 gennaio 2023, n. 86 – Pres. Gabbricci, Est. Pavia

Per stabilire se vi sia o meno violazione delle garanzie partecipative, occorre svolgere una valutazione di carattere non già meramente formale ma di carattere sostanziale; sicché, si deve escludere, ad esempio, che vi sia violazione dell'obbligo di comunicazione dell'avviso di avvio del procedimento quando, pur mancando una formale comunicazione, si riscontri che il soggetto interessato abbia conosciuto o abbia potuto conoscere aliunde l'avvenuta apertura del procedimento stesso; con la specificazione che ogni qualvolta l'interessato sia stato informato dell'esistenza di un procedimento diretto ad incidere sulla propria sfera giuridica e sia stato messo in condizione di utilmente rappresentare le proprie osservazioni e deduzioni, che integrano la partecipazione procedimentale, non può ritenersi violato alcun canone del giusto procedimento; la comunicazione (di avvio del procedimento) è da ritenersi (addirittura) superflua, riprendendo rilievo i principi di economicità e di speditezza dai quali è retta l'attività amministrativa, ogni qualvolta l'interessato è venuto comunque a conoscenza di vicende che, per la loro natura, conducono necessariamente all'adozione di provvedimenti obbligati; d'altra parte, ai sensi dell'art. 21 octies , cit. l. n. 241 del 1990, i vizi procedurali relativi al mancato previo avviso d'inizio del procedimento non possono portare all'annullamento giurisdizionale del provvedimento impugnato ove questo non avrebbe potuto comunque avere un contenuto diverso.

Commenti


bottom of page