Pianificazione urbanistica e imposizioni di limiti da parte della P.A.

Settore: Urbanistica


Keywords: Pianificazione urbanistica – Valutazioni di opportunità – Imposizione di limiti – Valutazione


T.A.R. Lombardia, Brescia, sez. I, 16 giugno 2021, n. 562 – Pres. Massari, Est. Bertagnolli

La pianificazione urbanistica implica valutazioni di opportunità che devono condursi sulla base delle esigenze progressivamente emerse nel tessuto territoriale a cui si riferisce la pianificazione. Nella misura in cui il potere di pianificazione si ritenga non limitato alla disciplina coordinata dell’edificazione ma finalizzato anche allo sviluppo della comunità nel suo complesso, non può, certamente, prevedersi la sussistenza di limiti che possano precludere decisioni urbanistiche ritenute meglio confacenti alle evoluzioni del contesto di riferimento. Lo standard non è un vincolo reale immodificabile ma una disciplina urbanistica impressa in un determinato momento storico e, come tale, rivedibile, fermo restando il rispetto delle previsioni normative statali e regionali su tale aspetto che, però, non impongono vincoli di destinazione permanenti.