top of page

Sulla illegittimità dell’atto quale “indice presuntivo” della colpa della P.A.

T.A.R. Lombardia, Brescia, sez. II, 14 marzo 2024, n. 210 – Pres. Massari, Est. Rossetti

Il privato danneggiato può limitarsi ad invocare l’illegittimità dell’atto quale indice presuntivo della colpa, perché resta a carico dell’Amministrazione l’onere di dimostrare che si è trattato di un errore scusabile derivante da contrasti giurisprudenziali sull'interpretazione della norma o dalla complessità dei fatti, ovvero ancora dal comportamento delle parti del procedimento. Al privato danneggiato da un provvedimento amministrativo illegittimo non è dunque richiesto un particolare impegno probatorio per dimostrare la colpa dell'Amministrazione, potendo egli limitarsi ad allegare l'illegittimità dell'atto e dovendosi fare applicazione, al fine della prova dell'elemento soggettivo, delle regole di comune esperienza e della presunzione semplice di cui all'art. 2727 c.c.; a questo punto spetta all'amministrazione dimostrare, se del caso, di essere incorsa in un errore scusabile.

ความคิดเห็น


bottom of page