Applicabilità della sanatoria in aree sottoposte a vincolo paesistico

Settore: Paesaggio e Edilizia


Keywords: Aree a vincolo paesistico – Abusi formali – Sanatoria – Applicabilità


T.A.R. Lombardia, Brescia, sez. I, 28 maggio 2021, n. 498 – Pres. Gabbricci, Est. Limongelli

Il combinato disposto dell'art. 32 della legge 28 febbraio 1985 n. 47 e dell'art. 32, comma 27, lettera d), del decreto-legge n. 269 del 2003, comporta che nelle zone già sottoposte a vincolo paesistico, sia esso assoluto o relativo, è consentita la sanatoria dei soli abusi formali, cioè realizzati in assenza o in difformità del titolo edilizio, ma conformi allo strumento urbanistico vigente; inoltre, deve trattarsi di abusi di minore rilevanza, corrispondenti alle tipologie di illecito di cui ai nn. 4, 5 e 6 dell'allegato 1 del d.l. n. 269 del 2003 (restauro, risanamento conservativo e manutenzione straordinaria) senza quindi aumento di superficie; e in ogni caso è necessario il previo parere favorevole dell’Autorità preposta alla tutela del vincolo.